Breaking News

  • Charles David Keeling

    Sua la notevole scoperta dei cicli naturali stagionali dell’anidride carbonica atmosferica sovrapposti alla crescita causata dovuta ai combustibili fossili

    ...

    0

Zygmunt Bauman

Viviamo in una società “liquida

19.11.1925 – 09.01.2017

Zygmunt Bauman è stato uno dei più grandi filosofi del ‘900.

A mio parere è colui che più di ogni altro ha spiegato l’era in cui viviamo e ci fornisce indirettamente e forse parzialmente un indizio sul perchè la società non si è preoccupata del suo futuro quando è venuta a conoscenza dei dati del Club di Roma

La notorietà di Bauman è soprattutto legata al concetto di “modernità liquida” riferita alla condizione della posmodernità, dove si perdono i confini e i riferimenti sociali e dove si perde la stessa società pubblica.

La fluidità moderna ha a che fare con la crisi dello Stato e quindi con la crisi delle ideologie e dei partiti che ad esso si ricollegano.

Nella modernità attuale tutto è permeato dalla “liquidità”, dice Bauman, che è la caratteristica di base dei liquidi fluidi, il mondo di oggi, che altri studiosi hanno definito postmoderno o tardo moderno, frutto della globalizzazione, non ha né la struttura, né la solidità di un tempo.

Le nuove forme di produzione e di rapporti umani sono anonime, liquide, mutevoli, effimeri. Ecco allora che la società pubblica, sempre più sotto assedio, è raffigurata da un simbolico reticolato-palizzata e ha come unico protagonista il Grande Fratello.

L’individualismo sfrenato che emerge con la crisi della comunità, rende fragili i contorni della società e la trasforma, appunto, in una entità liquida.

Zygmunt Bauman è stato considerato da alcuni, a mio parere erroneamente, un pessimista, perché ritiene che “l’insicurezza nella nostra società resterà, qualunque cosa accada.”

In questo senso potrebbe invece essere proprio un ottimista, perché solo attraverso l’accettazione della realtà, e quindi dell’incertezza, si potrà vivere una vita più aperta al futuro.

Lui non si è mai definito nè l’uno, nè l’altro.

E attraverso la storia del dissidente cecoslovacco Vaclav Havel ci ricorda le armi che possiamo usare per cambiare il mondo: Il coraggio, la tenacia e la speranza.

Queste qualità umani, normali, popolari e, dunque, comuni sono delle armi molto potenti.

A ben pensare ognuno di noi ha una certa dose di coraggio, non tanto, ma magari un po’; ognuno di noi mostra una certa tenacia in alcune circostanze. E tutti speriamo sempre che qualcosa possa cambiare.

Perchè in effetti, a pensarci bene, queste sono armi che tutti possiedono.

Antonio Bernabei

Antonio Bernabei

Laureato in Giurisprudenza, si specializza in Knowledge management nel campo dell'economia e dell'informazione. Sta sviluppando un modello di analisi nel campo dell' Io Digitale per la gestione, raccolta ed utilizzo dei dati come patrimonio individuale. Si occupa di raccogliere dati sull'informazione scientifica legata al mondo dell'alimentazione biologica e cambiamento climatico.


Tags assigned to this article:
economia liquidasocietà liquidazygmunt bauman

Related Articles

Jay Forrester

Uno dei grandi dell’informatica, docente al Mit, fondatore della Dinamica dei sistemi nel 1950. Nel 1944 fu a capo del

WHRC

Woods Hole Research Center La missione principale della WHRC è di far progredire la ricerca scientifica al fine di individuare

Aurelio Peccei

Aurelio Peccei, nel 1972 ha fondato un’associazione senza scopo di lucro, il Club di Roma, che ha commissionato al Mit un’importantissimo studio sui limiti dello sviluppo, forse la piu grande possibilità che il genere umano ha avuto per invertire la rotta verso la catastrofe dovuta al cambiamento climatico

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: